Servizio Conciliazione

Con la Deliberazione 233/2023/E/com, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e  Ambiente (nel seguito ARERA) ha previsto, a decorrere dal 30 giugno 2023, il tentativo obbligatorio di conciliazione presso il Servizio Conciliazione di ARERA oppure presso gli altri Organismi accreditati per la risoluzione extragiudiziale delle controversie, quale condizione di procedibilità per l’accesso alla giustizia ordinaria.

L’utente finale non potrà, pertanto, attivare una causa giudiziale senza aver preliminarmente esperito il tentativo di conciliazione.

Il Servizio Conciliazione, gestito da Acquirente Unico S.p.A. per conto di ARERA, è gratuito, si svolge on-line ed è attivabile, direttamente o tramite delegato, da tutti gli utenti finali, solo dopo aver presentato reclamo scritto al proprio gestore e aver ricevuto una risposta scritta ritenuta insoddisfacente, oppure se siano trascorsi 50 giorni dall’invio del reclamo e non sia ancora pervenuta una risposta.

L’incontro è moderato da un conciliatore del Servizio che, pur non avendo poteri decisori, aiuta le parti a trovare una soluzione concordata della controversia.

L’eventuale accordo sottoscritto tra le parti al termine della procedura costituirà titolo esecutivo, ossia potrà essere fatto valere dalle parti dinanzi al giudice competente in caso di mancato rispetto dei contenuti. Il verbale di mancato accordo, invece, sarà valido presupposto per adire l’autorità giudiziaria.

Per maggiori informazioni relative all’attivazione di una conciliazione è disponibile sul sito di ARERA una sezione dedicata accessibile a questo link: www.sportelloperilconsumatore.it – Servizio Conciliazione.